NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

Gli effetti degli interventi educativi IPV rivolti a operatori sanitari

A cura di Marina Penasso, DoRS - Centro di Documentazione per la Promozione della Salute -Regione Piemonte

La violenza del partner intimo (IPV) include qualsiasi violenza (fisica, sessuale o psicologica/emotiva) da parte di un partner o di un ex partner. L'IPV può avere un impatto sostanziale sulla salute fisica e mentale delle sopravvissute. Le donne colpite da IPV hanno maggiori probabilità di avere contatti con operatori sanitari (ad esempio infermieri, medici, ostetriche), anche se spesso le donne non rivelano la violenza.

La formazione degli operatori sanitari sull'IPV, compreso come rispondere alle sopravvissute, è un intervento importante per migliorare la conoscenza, gli atteggiamenti e la pratica degli operatori sanitari e, di conseguenza, i risultati di assistenza e salute per le donne vittime di violenza.

La revisione con metanalisi ha valutato l'efficacia dei programmi di formazione che cercano di migliorare l'identificazione e la risposta degli operatori sanitari all'IPV contro le donne. Sono stati inclusi 19 studi che hanno coinvolto 1662 partecipanti.

Dopo un anno dall'intervento, le'evidenze, sebbene siano incerte, suggeriscono che rispetto a nessun intervento, lista di attesa o placebo, la formazione IPV: può migliorare l'atteggiamento degli operatori sanitari nei confronti delle sopravvissute all'IPV; può avere un grande effetto sull'autopercezione della  prontezza degli operatori sanitari a rispondere alle sopravvissute e sulla conoscenza dell'IPV da parte degli operatori sanitari.

In conclusione: la formazione può migliorare le risposte effettive degli operatori sanitari, compreso l'uso della pianificazione della sicurezza, l'identificazione e la documentazione dell'IPV.

Vai alla  scheda di sintesi nel database NIEBP