NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

Scarica il documento
Gli interventi messi in atto dalla scuola per contenere la Covid-19
Domanda di ricerca

Quali sono le misure adottate dalla scuola per contrastare la pandemia da covid-19 finora valutate e come sono state valutate?


Quello che conta

La revisione identifica e traccia una mappa delle evidenze sulle misure scolastiche per contenere il covid-19. Ma non si pronuncia in merito all’efficacia di queste misure. Inoltre questa revisione informerà le linee guida dell’OMS.

Sono 42 gli studi inclusi nella revisione e presi in esame, 31 studi hanno utilizzato modelli matematici, due studi hanno adottato disegni sperimentali, con gruppo di intervento e di controllo, 9 studi hanno applicato disegni di studio osservazionali.  

Rispetto alla tipologia di interventi, gli studi inclusi nella revisione hanno valutato tre ampie categorie di misure:

  • misure organizzative per ridurre la trasmissione di SARS‐CoV‐2 (36 studi): misure per limitare i rischi di trasmissione della malattia tra persone che entrano in contatto (per esempio adozione di mascherine o politiche per il distanziamento fisico), misure per ridurre le occasioni di contatto (per esempio distribuire arrivi, periodi di pausa e partenze).
  • misure strutturali o ambientali per ridurre la trasmissione di SARS‐CoV‐2 (11 studi): per esempio spartire le aree gioco esterne alla scuola o migliorare la circolazione dell’aria.
  • misure di sorveglianza per rintracciare i casi di infezione da SARS‐CoV‐2 (19 studi):  test, tracciamento e screening dei sintomi, isolamento dei casi confermati o quarantena per i casi sospetti

Caveat

La ricerca non è distribuita in modo equo nel mondo: forte presenza in alcune aree, assenza quasi totale in altre, per esempio il sud-est dell’Asia e l’Africa. Inoltre non sono stati condotti studi nei paesi a basso e medio reddito. La maggioranza degli studi non affronta la questione equità, riguarda paesi ad alto reddito e nell'implementazione non tiene conto dei contesti più svantaggiati. Sebbene il diverso status socio economico potrebbe incidere in modo determinante, per quel che concerne le risorse finanziarie e gli spazi necessari a mettere in atto le misure.

Gli studi che si indirizzano direttamente alla popolazione scolastica, hanno  osservato gli effetti su studenti di età compresa tra i 5 e i 18 anni (scuola primaria e secondaria), senza differenziare per fasce di età. Non rientrano nella revisione studi relativi alla prima infanzia e agli studenti universitari.

Un limite riguarda i disegni degli studi inclusi. La maggioranza degli studi inclusi nella revisione si fonda su modelli matematici che dovrebbero simulare il mondo reale, con la sua mutevolezza. Tuttavia rimangono ipotesi.
Gli studi osservazionali si accostano al mondo reale e lo osservano, lo descrivono. Tuttavia spesso non consentono di trarre conclusioni certe sull’efficacia pratica di un intervento.
Infine gli studi sperimentali o quasi sperimentali, forse l’opzione più solida per valutare l’efficacia di interventi di popolazione, sono molto difficili da condurre con una pandemia in corso. Per cui finora sono estremamente esigui per numero. 

Numerosi interventi sono multicomponenti, le componenti individuali dell’intervento non sono state valutate in modo separato, perciò è difficile determinarne la reale efficacia. Sarà importante farlo in una futura revisione.

Un limite riguarda ll numero limitato di studi che hanno valutato outcome sociali ed economici. In futuro sarà necessario estendere la ricerca a banche dati specifiche, non strettamente biomediche, e alla letteratura grigia, che non è stata pubblicata sulle riviste specialistiche.


Contesto

Per contrastare la diffusione della SARS-CoV-2 e l’impatto del COVID-19, i paesi nel mondo hanno adottato varie misure di sanità pubblica. In molti paesi, la chiusura delle scuole è stata una delle prime risposte. Dalla metà del mese di aprile 2020, 192 paesi hanno chiuso le scuole, coinvolgendo più del 90% della popolazione studentesca a livello mondiale. Questo ha gravemente perturbato la vita scolastica, familiare e lavorativa con probabili impatti negativi

  • danni dal punto di vista educativo
  • peggioramento dello stato di salute fisica e psicologica nei bambini e adolescenti
  • aumento delle disuguaglianze tra bambini e adolescenti provenienti da contesti svantaggiati vs più privilegiati
  • possibile riduzione del reddito dei genitori e perdita del lavoro
  • possibile perdita del rendimento economico famigliare

Implicazioni per la pratica

Gli studi qualitativi, che offrono informazioni su aspetti di contesto e implementazione, non sono stati valutati in modo sistematico e approfondito dalla revisione. Tuttavia potrebbero fornire spunti e indicazioni utili per i decisori.

La pandemia è per sua natura dinamica, con significative variazioni temporali e geografiche: le specifiche circostanze in cui viene condotta la ricerca, per esempio il livello di contagio e gli interventi già in atto, sono elementi critici per definire quali misure possano funzionare. 

La dinamicità implica anche che la questione della rilevanza e della priorità per chi è chiamato a decidere può cambiare nel corso dei mesi futuri. Si evidenzia perciò l’esigenza di coinvolgere i principali stakeholder, per definire, di volta in volta, i quesiti di ricerca considerati prioritari.


Giudizio di qualità revisione

Revisione Cochrane – qualità alta


Riferimento bibliografico revisione

Krishnaratne S, Pfadenhauer LM, Coenen M, Ge ert K, Jung-Sievers C, Klinger C, Kratzer S, Littlecott H, Movsisyan A, Rabe JE, Rehfuess E, Sell K, Strahwald B, Stratil JM, Voss S, Wabnitz K, Burns J. Measures implemented in the school setting to contain the COVID-19 pandemic: a rapid scoping review. Cochrane Database of Systematic Reviews 2020, Issue 12. Art. No.: CD013812. DOI: 10.1002/14651858.CD013812.


Setting - scolastico -
Aree di intervento - malattie infettive -
Parole chiave - malattie infettive - covid19 - scuola -
Outcome
  • trasmissione di SARS‐CoV‐2 (29 studi), includendo numero di nuovi casi o numero medio di persone a cui una persona infetta trasmetterà il virus (reproduction number R);
  • utilizzo dei servizi di assistenza sanitaria (8 studi), per esempio numero di ospedalizzazioni;
  • altre misure inerenti la salute (3 studi), per esempio, rischio di sviluppare malattie della pelle (eczema alle mani)
  • outcome a livello di società, economici e altri outcome inerenti la popolazione (5 studi), per esempio i costi

Sintesi e traduzione

Sintesi e traduzione a cura di Paola Capra, DoRS, Centro di Documentazione per la Promozione della Salute della Regione Piemonte, Italia.