NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

Utilizzo dell’auto-prelievo cervicale nel programma di screening per la cervice uterina

A cura di Andrea Guida, Università degli Studi di Firenze

Il cancro della cervice uterina è uno dei più comuni tipi di cancro nelle donne a livello globale, mentre rappresenta una delle principali cause di morte per tumore nei Paesi a basso e medio reddito. Lo screening cervicale ha ridotto sia l’incidenza che la mortalità di questo tumore, soprattutto nei setting ad alto reddito dove i programmi di screening prevedono più ampie coperture. Tuttavia, in Italia circa l’11% delle donne ha riferito di non essersi mai sottoposta allo screening o di averlo fatto in un lasso temporale maggiore del previsto, con motivazioni legate alla mancanza di tempo o a sensazioni come la paura o l’imbarazzo. Per tale motivo, già da alcuni anni sono in atto strategie per raggiungere la popolazione non aderente ai programmi di screening cervicale con nuove metodiche quali la distribuzione di kit per la ricerca del virus HPV tramite auto-prelievo.

L'auto-prelievo ha mostrato il potenziale di aumentare l'adesione allo screening del cancro cervicale: questa metanalisi ha dimostrato che i kit di auto-prelievo inviati direttamente a domicilio o offerti da un operatore sanitario “porta a porta” aumentano significativamente l'adesione allo screening rispetto allo screening regolare. Inoltre, l'adesione agli esami di II livello o al trattamento si è dimostrato simile a quella di altre metodiche di screening. Ulteriori ricerche sono necessarie per valutare l'efficacia e la fattibilità dell'auto-prelievo, soprattutto nei Paesi a basso reddito dove la copertura dei programmi di screening è attualmente limitata.

     Accedi alla scheda di sintesi nel database Niebp