NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

NIEBP - Network Italiano Evidence Based Prevention

L’importanza dei programmi di screening organizzato per la prevenzione oncologica.

A cura di Cristiano Piccinelli,  SSD Epidemiologia e screening (CPO Piemonte) - AOU Città della Salute e della Scienza di Torino

L'Europa oggi rappresenta un decimo della popolazione mondiale, ma presenta un quarto dei casi di tumore nel mondo (1). In Italia secondo le stime prodotte dall’International Agency for Research on Cancer (IARC), se non saranno intraprese misure decisive, la stima di vite perse a causa del cancro aumenterà di oltre il 23% entro il 2035 (2). A questo scenario si aggiunge il grave impatto che la pandemia COVID-19 ha avuto sull’assistenza sanitaria ed in particolare su quella oncologica: l’interruzione, infatti, delle normali attività di prevenzione e trattamento e il ritardo nelle diagnosi si tradurranno in un aumento dei casi di tumori nei prossimi anni. Un ruolo molto rilevante in questo ambito di sanità pubblica è giocato dai programmi di screening che rappresentano una grande conquista nella prevenzione oncologica degli ultimi 30 anni.

I programmi di screening sono considerati efficaci solo per tutti i tipi di tumore. Al momento gli screening per cui è stata documentata l’efficacia sono quelli che riguardano i tumori della mammella, del collo dell’utero e del colon-retto. Tali screening sono raccomandati dal Codice Europeo Contro il Cancro, oltre che dalle Linee Guida della Commissione Europea e del Ministero della Salute.

Questi tumori sono molto frequenti che rappresentano quindi un importante problema di salute per la collettività e una consistente quota del carico di malattia attribuibile ai tumori. Hanno una lunga fase asintomatica e sono disponibili test in grado di individuarli proprio in quella fase. Inoltre esistono specifiche cure che, se applicate in fase precoce, possono aumentare la possibilità di guarire.

I programmi di screening organizzato sono elaborati e gestiti dai servizi sanitari nazionali o regionali al fine di garantire a tutti i cittadini l'opportunità di partecipare e di offrire al paziente in presenza di risultati anomali, le misure di sostegno e gli accertamenti diagnostici e i trattamenti del caso. Lo screening risulta più efficace se disponibile per tutta la popolazione elegibile se gli individui decidono di parteciparvi (3).

Purtroppo, a causa della pandemia Covid-19, l’interruzione e la difficoltà di ripresa a pieno regime delle attività sanitarie hanno ridotto fortemente il numero di esami diagnostici erogati. Le stime dell’Osservatorio Nazionale Screening (4) indicano che nel periodo che va da gennaio a dicembre 2020 ci sono state circa 3324 mancate diagnosi di tumore al seno, quasi 1299 per il cancro del colon-retto e circa 2.782 per le lesioni precancerose (o già cancerose) del collo dell’utero (5). Il Piano europeo di lotta contro il cancro, prevede il supporto agli Stati membri affinché, entro il 2025, sia garantita una copertura del 90% dei cittadini dell’Unione Europea per gli screening della mammella, del collo dell’utero e del colon-retto.

Per raggiungere questi obiettivi, è necessario che vengano destinate risorse e si definiscano al più presto strategie per il recupero dell’attività arretrata, per ridurre al minimo l’impatto sulla salute che si osserverà nei prossimi anni.

 

Vai alla scheda di sintesi: Screening del tumore del colon-retto

Vai alla scheda di sintesi: Screening del tumore della cervice uterina

Vai alla scheda di sintesi: Screening del tumore mammario

 

Riferimenti bibliografici 

 

1. European Commission. Communication from the Commission to the European Parliament and the Council. “Europe's Beating Cancer Plan”. Brussels, 3.2.2021 COM(2021) 44 final

2. International Agency for Research on Cancer. “Cancer Tomorrow”. https://gco.iarc.fr/tomorrow/en/. 

3. Definizione dal Codice Europeo Contro il Cancro

4. Mantellini P et al. Ritardi maturati dai programmi di screening oncologici ai tempi del COVID-19 in Italia, velocità della ripartenza e stima dei possibili ritardi diagnostici. Epidemiol Prev 2020; 44 (5-6) Suppl 2:344-352.

5. https://www.osservatorionazionalescreening.it/content/rapporto-sulla-ripartenza-degli-screening-dicembre-2020.